Come ti hanno chiamato?

L’idea bislacca mi è venuto mentre aspettavo la metropolitana con lo sguardo fisso assorto in un flusso di coscienza personale aiutato da “Metropolis” dei Dream Theater.

La raccolta definitiva di tutti i soprannomi, nomiglioli, pseudonimi e nickname dal giorno della mia nascita. Sono disposti all’incirca in ordine cronologico e sono esclusi il nome e il cognome. Andiamo ad iniziare:

  • Dani
  • Lele
  • Chicco
  • Cruscotto
  • Piccola peste
  • Sasso
  • Sorriso sessantadue denti (o erano settantadue. Non ricordo)
  • Peppino
  • bega
  • pri
  • wega
  • priser (leggi praiser)
  • Joan Pep
  • Prishcariell’
  • Pep
  • danny182
  • mr_30_cm
  • Plix
  • pris3r
  • iL_LoZzO
  • illozzo
  • il_lozzo
  • lozzo
  • L’uomo domotico
  • L’homm (uomo) automation

Dai pensavo peggio, ma di sicuro ne dimentico qualcuno. Se qualcun altro vuole lanciarsi e raccogliere la sfida può farlo liberamente e se vuole può segnalarmelo. Io non lo giro a nessuno (capisco quanto possa essere seccante…). Al massimo potete considerarlo un ottimo modo per indicizzare finalmente tutta una serie di chiavi di ricerca sul vostro blog…

Annunci

2 risposte a “Come ti hanno chiamato?

  1. Preannuncio che la cosa è fortemente triste…soprattutto scritta un venerdì sera nel quale le persone normalmente escono e si divertono,mentre io sono qui di fronte a questo pc,da solo.
    Sicuramente non era intento del lozzo risvegliare in me questi sentimenti così tristi,provando a cercare i soprannomi con cui gli amici mi chiamavano,non ne ho trovati.Mai nessuno me ne ha dati se non offensivi…la vita è bella e questi non sono i problemi ma che schifo però,una vita vuota da bambino non me la sarei mai immaginata,senza un senso,mi sforzo di cercarlo ma non lo trovo…quel cesso di negozio dove lavoro,le mie relazioni con le ragazze, che
    schifo,non ne posso più.Non capisco mai se è il momento giusto,quando sono con una ragazza mi sembra sempre di andare fuoritempo.
    Vorrei porre fine a questo schifo,ma non ho il coraggio,mai il coraggio di prendere una decisione mai il coraggio di mantenerla…è così facile scrivere in internet,ma quanto è difficile fuori,parlare,vivere,nella vita vera.
    Qualcuno può capirmi?c’è qualcuno la fuori?la cosa mi darebbe un immenso conforto…

  2. Nessuno a questo mondo può capirti meglio di te stesso, se è questo l’auto che cerchi sei destinato a fallire. La soluzione non è capire ma condividere. Solo avendo la forza di condividere le proprie esperienze (belle o brutte che siano) possiamo iniziare a capire meglio noi stessi. Non chiuderti a riccio. Invece di stare il venerdì sera davanti ad un pc a rimuginare su quanto faccia cagare la tua vita, esci! Non importa dove, vai a piedi e cammina, infilati in un bar a caso, poi in un altro, e in altro ancora e guardati intorno. Noterai di sicuro che tutte quelle persone all’ apparenza felici e spensierate in realtà hanno anche loro dei problemi. Ma loro avranno capito come sia molto più semplice dimenticarli e fare in modo che si aggiustino da soli che provare a risolverli con tutte le nostre forze e soffrire se non riusciamo a farlo.
    La vita è troppo breve per rimuginare sulle cagate!
    “E’ il tuo respiro, non lo sprecare!”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...